Molte le nubi all' orizzonte

Il Resto del Carlino 26/09/96 pag.MO/9

Note dolenti: 'La Germania non assorbe piu', nostri magazzini pieni oltremisura. Sassuolo , crescono le attese per il prossimo cersaie, un' occasione idonea per fare il punto della situazione e verificare da vicino l'andamento dei mercati. A pochi giorni dall' inaugurazione della rassegna bolognese abbiamo incontrato Filippo Marazzi, presidente del gruppo Marazzi, leader nella produzione nazionale di piastrelle in ceramica, per parlare del momento congiunturale del settore e delle prospettive future. - Ci sono diverse motivazioni per spiegare il rallentamento in atto nell'industria ceramica. Come sara' questo 1996 ? - "Sara' un anno caratterizzato, nel suo complesso e per quasi tutti i Paesi europei, da una modestissima crescita del prodotto interno che ha determinato una diffusa stagnazione dell' attivita' economica, una contrazione e una modificazione dei consumi e con una generalizzata crescita del clima d'incertezza". - Quali sono, a suo parere, le cause del'attuale contrazione nelle vendite? - "I tradizionali mercati di sbocco delle esportazioni italiane di piastrelle in ceramica, anche in conseguenza della sensibile contrazione dei tassi di crescita dell' attivita' edile, hanno ridotto i consumi di piastrelle. In Germania il grande impulso derivato dalla ricostruzione e riqualificazione del patrimonio immobiliare nella ex Germania dell'Est si e' ormai esaurito e l'attivita' edile si e' posizionata su volumi piu' bassi". - Anche il mercato italiano continua a segnare il passo. I motivi ? - " Le previsioni per il mercato italiano rimangono ancora negative perdurando un clima di crescente difficolta' per molti settori primari dell' economia e per la mancanza di misure finalizzate al rilancio dell'attivita' edile da troppi anni paralizzata da vincoli burocratici e dall'assenza di provvedimenti legislativi finalizzati a fare chiarezza e a ripristinare una situazione di certezza intorno al bene casa che ha rappresentato in tempi non troppo lontani, un preciso punto di riferimento per gli investitori e i risparmiatori italiani". - La produzione continua a crescere e le vendite sono in contro tendenza a questo trend. Uno squilibrio penalizzante per il settore. Perche' si stanno toccando percentuali di differenza cosi' alte ? " L' indispensabile rinnovamento produttivo crea sempre, nel breve periodo, un differenziale fra il volume della produzione e la domanda globale del mercato innescando una pesante crescita delle giacenze di magazzino. In questi anni, anche a seguito delle profonde modificazioni, intervenute nei mercati e alla significativa espansione delle gamme prodotti e dei relativi formati, il materiale stoccato a magazzino ha gia' superato i livelli fisiologici di guardia con un conseguente immobilizzo di risorse finanziarie". - Cosa si ente di proporre per eliminare questo squilibrio ? - " La differenza fra domanda e offerta deve essere governata attraverso l' adozione di misure di contenimento della produzione e mantenendo sotto controllo l' inevitabile crescita dei costi di produzione e la conseguente erosione dei margini aziendali". - C'e' pur sempre un forte pessimismo, a riguardo, che coinvolge un po' tutti... - " Questa situazione deve essere affrontata con grande realismo, gestita con grande razionalita', senza cedere ad inutili pessimismi o ai facili entusiasmi spesso generati dalle irreali aspettative legate all'adozione di azioni o di politiche che, generalmente, hanno determinato pochi successi, alimentando, pero', ulteriormente la confusione e l'incertezza".


A Verona domani il via a Tecnargilla
Prende il via domani (inaugurazione alle ore 11) il 16 Salone internazionale delle tecniche e delle macchine per l'industria ceramica e dei laterizi, meglio noto come "Tecnargilla '96". L'importante rassegna si svolge presso il quartiere fieristico di Verona e rimarra' aperta fino a martedi' 1 ottobre. Diversi gli appuntamenti in programma:
alle 15 il presidente dell' Acimac, Ivano Ligabue, presenta l' "indagine statistica del settore macchine per ceramica", un' assieme di dati e previsioni che permetteranno di capire lo stato di salute del comparto. Nella giornata di Sabato, presso la sala Puccini, ci sara' la presentazione dell' indagine di mercato sul settore ceramico in Vietnam; lunedi' 30 settembre, giornata dedicata all' India, con diversi appuntamenti che interesseranno gli operatori economici. Va ricordato che nella scorsa edizione di "Tecnargilla" i visitatori furono 19.362 di cui 6.608 stranieri con la presenza di 93 paesi, 619 aziende espositrici di cui 200 estere.










torna all'indice